• Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu

Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu

E' un organismo ipocrita che deride i diritti umani', spiega l'ambasciatrice Haley, attribuendo la decisione americana al trattamento riservato Israele

Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu. Lo annuncia l'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley.   

'Voglio essere chiara: questo passo non è un ritiro dal nostro impegno sul fronte dei diritti umani. Assumiamo questa iniziativa perchè il nostro impegno su questo fronte non ci consente di restare parte di un organismo ipocrita che deride i diritti umani'' spiega Haley, attribuendo la decisione americana al trattamento riservato dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu a Israele. Haley definisce l'organismo un ''protettore di chi abusa dei diritti umani'' e cita l'ammissione del Congo come suo membro nonostante le fosse comuni rinvenute.

L'ambasciatore di Israele all'Onu, Danny Danon, plaude alla decisione degli Stati Uniti di uscire dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu. ''Il Consiglio dei Diritti Umani e' da tempo nemico di coloro che veramente hanno a cuore i diritti umani nel mondo - afferma Danon -. Gli Stati Uniti hanno dimostrato ancora una volta il loro impegno alla giustizia e alla verità e la loro riluttanza a consentire all'odio cieco nei confronti di Israele nelle istituzioni internazionali di restare incontrastato''.

Israele ringrazia il presidente Trump "per la coraggiosa decisione contro l'ipocrisia e le bugie del cosiddetto Consiglio dei diritti umani dell'Onu". Lo ha detto il ministero degli Esteri, retto dal premier Benyamin Netanyahu. "Invece che occuparsi dei regimi che sistematicamente violano i diritti umani - ha proseguito - quel Consiglio si è ossessivamente fissato con Israele, l'unica vera democrazia del Medio Oriente".

Molto critica invece la reazione di Mosca: "Gli Stati Uniti hanno nuovamente assestato un forte colpo alla propria reputazione di difensori dei diritti umani e hanno dimostrato il loro disprezzo non solo verso il Consiglio dei diritti umani ma anche verso l'Onu in generale e le strutture che ne fanno parte", afferma la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, come riporta la Tass.

"Il Consiglio per i diritti umani dell'Onu - aggiunge - ha funzionato in modo abbastanza efficace anche senza gli Usa e noi speriamo che continui a farlo in futuro". Gli Usa, secondo Mosca, avrebbero dunque mostrato una logica 'due pesi e due misure' nel campo dei diritti umani. La Russia, continua Zakharova, continuerà a lavorare per la "depoliticizzazione" del tema dei diritti umani nel Consiglio, per quanto non sia la "struttura adeguata". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA