Statue e poesie, il nudo nell'arte antica in Iran

Pragmatismo iraniano tra siti archeologici e censura religiosa

"No, no, noi abbiamo certamente molte limitazioni e la censura, ma non mi ricordo di aver mai sentito di statue o opere d'arte coperte in modo plateale. Credo se mai, che le più scandalose siano state rimosse, ma altre sono visibili". A parlare è un antiquario iraniano, che da anni opera tra l'Iran e Milano. "Dovessi sintetizzare direi che da noi in Iran c'è pragmatismo, censura religiosa ma non fobia del nudo nell'arte antica". Ovviamente ben diverso è l'atteggiamento per l'arte moderna e contemporanea. Per inquadrare il pragmatismo iraniano basta ricordare il recente allestimento delle copie della 'Penelope di Persepoli' esposta a Teheran. D'altra parte la Persia ha un retaggio culturale antichissimo, e siti archeologici come Pasargade e Persepoli, tra i più imponenti al mondo. Molti bassorilievi ritraggono figure virili ben poco coperte, che sono tra i simboli dell'Iran. "Nel museo archeologico di Teheran - riprende l'antiquario - ci sono statue femminili, anche nude, a cui spesso vengono coperte le parti più intime ma con l'oggetto che rimane esposto. Molte altre invece rimangono negli scantinati: certo non ci sarà mai una sala affollata di nudi". L'Iran ha anche una letteratura in cui si annoverano grandi cantori dell'amore come Rumi, Hafez, Kayyam. "Rime a tratti erotiche - spiega Antonello sacchetti, scrittore, esperto di società persiana - ancora vive nell'immaginario collettivo. D'altra parte le stesse Mille e una notte, pur scritte in arabo, hanno un impianto profondamente persiano, e narrano avventure amorose. Le quartine di Kayyam ad esempio sono dedicate soprattutto all'esaltazione del "vizio" bacchico: "Bevi vino, ché vita eterna è questa vita mortale - recitano alcuni versi - E questo è tutto quello ch'hai della tua giovinezza; Ed or che c'è vino, e fiori ci sono, e amici lieti d'ebbrezza". Bere alcolici in Iran è vietato. Alcune minoranze, come i cristiani, possono però usarlo nelle cerimonie. La censura è invece totale nei libri, in tv e al cinema. "Ad esempio studiare arte in Iran è complesso - spiega Tannaz Lahiji, artista iraniana e docente di Disegno a Firenze - basti pensare alla difficoltà di imparare l'anatomia senza nudi, o a confezionare abiti senza modelle". Però nei confronti della storia antica, di cui l'iraniano è molto orgoglioso, non si percepisce un tabù. "Basti pensare alla statua di Ercole a Bisetun, agli affreschi della cattedrale armena di Vank, con le scene dell'inferno, o ai dipinti di Borujerdi House, a Kashan".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA