Di Maio, in Dl dignità 3 misure pro PMI

Vicepremier, 'società di precari non giova a imprenditori'

(ANSA) - ROMA, 6 LUG - "Nessuno deve cadere nella trappola di pensare che una società di precari faccia bene agli imprenditori. Non è così. Gli imprenditori vogliono una cosa sola: avere persone che possano usufruire dei loro prodotti e servizi. E vogliono essere lasciati in pace. Con il Decreto Dignità abbiamo pensato anche alla loro dignità di uomini che fanno impresa per il bene della comunità e quindi è come imprenditori che devono essere trattati, non come compilatori di scartoffie o peggio come mucche da mungere". Lo scrive il vicepremier e ministro Luigi Di Maio sul blog delle Stelle dove aggiunge: "Nel decreto ci sono tre buone notizie per i piccoli imprenditori", l'eliminazione dello spesometro, la disattivazione del redditometro e l'abolizione dello split payment per le partite Iva. Quanto alle delocalizzazioni "dobbiamo invogliarle a rimanere qui" con sgravi fiscali e una giustizia che funzioni, con "processi rapidi, ci sta già lavorando Alfonso Bonafede".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who