Sace: export a 540 mld nel 2021

Stima crescita del 5,8% quest'anno

(ANSA) - MILANO, 12 GIU - Dopo la performance del 2017 con una crescita di 31 miliardi di euro dell'export (+7,4%), le esportazioni italiane avanzeranno nel 2018 del 5,8% e del 4,5% medio nel triennio successivo, sfiorando i 500 miliardi di euro già nel 2019 e superando i 540 miliardi nel 2021. E' il quadro delineato da 'Keep Calm & Made in Italy', l'ultimo Rapporto export del Polo Sace simest presentato a Milano.
    "Sebbene il rischio che si scateni una vera e propria guerra commerciale sia piuttosto limitato (probabilità nell'ordine del 5-10%) - viene spiegato - gli effetti potrebbero essere molto forti". La crescita globale rallenterebbe al 2,8% nel 2018 e il commercio mondiale frenerebbe. L'export italiano risentirebbe del calo della domanda dei Paesi più interessati dalle misure - Stati Uniti e Messico in primis - perdendo quasi due punti percentuali nel 2018 (da 5,8% a 3,9%) e oltre 3,5 punti l'anno successivo (da 5,2% a 1,6%).
    Nel 2018 si confermano cruciali per l'export italiano i mercati che hanno trainato la volata del 2017. La performance migliore è attesa per l'Asia (+8,4%), con Cina, India e Indonesia in prima linea; l'America Latina (+7,5%) con una ripresa degli scambi con il Brasile; e l'Europa emergente (+7,0%), in primis la Russia, pur con tutte le cautele legate al tema delle sanzioni internazionali. Positive le prospettive per il nostro export anche nel Nord America (6,1%), nell'Africa Subsahariana (+5,4%), nell'Europa avanzata (+4,8%) e in Medio Oriente e Nord Africa (+4,7%). Fra i nuovi mercati promettenti ci sono Colombia, Filippine e Marocco.
    "Gli investimenti in infrastrutture - ha spiegato Roberta Marracino, direttore area studi e comunicazione di Sace - soprattutto in ambito portuale, marittimo e del trasporto intermodale sono indispensabili e potrebbero consentirci di recuperare ogni anno 70 miliardi di euro di export".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who