Corte dei Conti: 2020 anno impegnativo, finanze Italia fragili

Economia già sotto media Ue, conti pubblici esposti a rischi

Il 2020, come gli anni precedenti, "si preannuncia impegnativo per il governo dei conti pubblici. La situazione economica è caratterizzata dalle crescenti incertezze che pesano sul quadro macroeconomico internazionale" e le prospettive dell'economia italiana, "già largamente al di sotto della media europea, ne risentono ulteriormente". Lo afferma la Corte dei Conti nel rapporto di Programmazione dei controlli e delle analisi per l'anno 2020. In un quadro di crescita incerta, "la condizione dei conti del nostro Paese appare fragile ed esposta a rischi nel breve e nel medio termine".

Gli interventi in materia sanitaria contenuti nella legge di bilancio 2020 (abolizione del superticket a partire dal primo settembre; contributo per l'acquisto di apparecchiature sanitarie per i medici di medicina generale e incremento delle risorse per l'edilizia sanitaria e l'ammodernamento tecnologico) sono "passi importanti che dovranno però essere accompagnati da un complessivo riordino dei meccanismi di compartecipazione alla spesa, cui si dovrebbe muovere con il nuovo Patto della salute in corso di definizione". Lo scrive la Corte dei Conti approfondendo il tema dell'assistenza e della sanità nel documento sulla Programmazione dei controlli e delle analisti per l'anno 2020, appena pubblicato. "Le difficoltà di garantire flussi finanziari crescenti in un settore cruciale per la vita dei cittadini rende indispensabile poter contare su meccanismi in grado di garantire una graduazione dell'importo dovuto in funzione del costo delle prestazioni e di indicatori di condizione reddituale dei nuclei familiari. - sottolineano i magistrati contabili - Con l'abolizione del ticket andranno comunque attentamente monitorati sia le riduzioni del gettito che gli eventuali incrementi delle prestazioni richieste".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie