A.Mittal: mandò a monte acquisizione

Condanna di 24 milioni di euro

 Non è la prima volta in Italia che il Gruppo ArcelorMittal viene accusato di non rispettare un impegno. Infatti per aver "mandato a monte un affare già definito" e cioè un accordo di acquisizione del 2008 di Metalsider e Sidermed, due controllate di Finmasi Group, azienda siderurgica con sede a Modena, è stata condannata in primo grado, con la conferma in appello, a versare un risarcimento di 23 milioni 745 mila euro all'impresa emiliana ritenuta danneggiata per un "inadempimento contrattuale". La vicenda, come si legge nelle carte della causa civile, per una parte è già stata definita in Cassazione e per l'altra, quella che riguarda l'importo definitivo di fatto già pagato ma immobilizzato nelle casse della Finmasi, è in attesa del giudizio della Suprema Corte.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia


      Vai al sito: Who's Who