Mdc, criticità indennizzi, serve proroga

Mancano criteri per redditi sopra 35mila euro,istituti a rilento

Criteri generali e linee guida ancora non emanati, banche che procedono a rilento nella consegna dei necessari documenti. Sono le "criticità" del meccanismo di indennizzo dei risparmiatori colpiti dai crac bancari evidenziate dal Movimento difesa del cittadino, che invita i risparmiatori tenuti alla presentazione di ulteriore documentazione (reddito sopra 35mila euro patrimonio mobiliare sopra 100mila euro) a non formalizzare la propria domanda finché la delibera sui criteri generali non sarà emanata dalla Commissione tecnica istituita dal ministero dell'Economia.
    L'associazione suggerisce quindi una proroga di almeno sei mesi per la presentazione delle domande (attualmente la scadenza è a metà febbraio). In ogni caso, Mdc saluta con favore il restyling del portale di accesso al Fondo indennizzo risparmiatori (Fir), che, riconosce, "rende più agevole la formalizzazione e la presentazione della domanda".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia


      Vai al sito: Who's Who