Ue conferma stime Pil Italia, +0,1 nel 2019 e +0,7 nel 2020

Nuove previsioni invariate rispetto alla primavera

Le previsioni economiche che la Commissione Ue pubblicherà domani, salvo sorprese dell'ultima ora, confermeranno quanto già fotografato in quelle di maggio, ovvero una crescita che per l'Italia si fermerà a 0,1% per il 2019 e salirà fino allo 0,7% l'anno prossimo. E' quanto apprende l'ANSA da fonti Ue.

Le previsioni economiche d'estate della Commissione europea avranno soltanto il dato del Pil e quello dell'inflazione, perché si tratta di "stime intermedie" pubblicate due volte all'anno. Per avere quelle complete di tutti i dati bisognerà aspettare novembre, con le previsioni d'autunno. I numeri di domani conterranno pochi ritocchi alla crescita dei Paesi dell'Eurozona rispetto a quelle di maggio. Come anticipato dal vicepresidente Dombrovskis, tutti cresceranno ma con ampie differenze. L'Italia, a maggio, con lo 0,1% si confermava fanalino di coda della Ue. La crescita della zona euro era a 1,2% per il 2019 e 1,5% per il 2020, e dovrebbe rimanere sostanzialmente invariata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who