Lagarde: dazi Usa-Cina costano 0,5% pil

Si tratta di una perdita di 455 miliardi di dollari

Le tensioni commerciali vanno ridotte e vanno rimossi gli ostacoli a una crescita maggiore e più sostenibile. Lo afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, in vista del G20 del Giappone. I dazi Usa-Cina - quelli recentemente annunciati e quelli già attuati - costeranno all'economia mondiale lo 0,5% del pil nel 2020. "Si tratta di una perdita di 455 miliardi di dollari, ovvero maggiore dell'economia del Sud Africa". I proposti dazi americani sul Messico "sono una fonte di preoccupazione".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who