Carige: Salvini, pronti intervento stato

Al Secolo XIX, 'non lasciamo soli imprenditori e famiglie'

(ANSA) - GENOVA, 23 MAG - Su Carige "certamente come Lega siamo pronti ad un intervento pubblico, qualora in tempi brevi non si dovessero affacciare nuovi, veri, affidabili capitali privati. Di certo non lasceremo soli i tanti imprenditori e le famiglie che hanno bisogno di una banca forte, territorialmente radicata, a garanzia di un futuro di sviluppo". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini in un'intervista al Secolo XIX.
    "Quella di Carige - premette - è una crisi che seguiamo con attenzione costante e su cui fin dal primo giorno ci siamo trovati con le assurde regole europee a metterci i bastoni tra le ruote. Se non avessimo opposto la nostra più decisa resistenza, l'atteggiamento di Bruxelles avrebbe rischiato di aprire la porta dell'istituto a fondi speculativi internazionali con tutti i rischi del caso. Noi lo abbiamo impedito". Ma se chiediamo il voto per l'Europa, spiga, è per riprendere il "sacrosanto diritto di proteggere la nostra economia reale di cui Carige rappresenta uno dei bastioni fondamentali".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who