• Pensioni la bozza del governo: per il trasporto aereo anticipo vecchiaia di 7 anni

Pensioni la bozza del governo: per il trasporto aereo anticipo vecchiaia di 7 anni

L'età per accedere alla pensione di vecchiaia sarà a 67 anni tra il 2019 e il 2022, per i lavoratori del trasporto aereo il requisito si riduce ancora. Finanziata con il pagamento di 3 euro imbarco

Il governo sta preparando la bozza del 'pacchetto pensioni'. Ecco alcuni punti salienti.

PENSIONE DI VECCHIAIA L'età per accedere alla pensione di vecchiaia sarà a 67 anni tra il 2019 e il 2022. E' quanto emerge dalla bozza del pacchetto pensioni nell'articolo sulla "sospensione incrementi speranza di vita per la pensione di vecchiaia". I requisiti di età (per la pensione di vecchiaia, ndr) - si legge - "non sono adeguati agli incrementi della speranza di vita previsti per il biennio 2021-2022".  I lavoratori del trasporto aereo potranno andare in pensione di vecchiaia nel 2019 e il 2020 con un requisito ridotto di sette anni rispetto a quella degli altri lavoratori. Fino ad ora era possibile uscire con un requisito ridotto di cinque anni e con questa norma si riduce di altri due. Per finanziare questo maggiore costo previsto della misura, si rende strutturale la norma sul pagamento per diritto di imbarco di tre euro.
 

PENSIONE ANTICIPATA Resta a 42 anni e 10 mesi anche per il 2019 il requisito contributivo per accedere alla pensione anticipata indipendentemente dall'età anagrafica (41 anni e 10 mesi per le donne) ma il diritto ad avere l'assegno si avrà tre mesi dopo la maturazione dei requisiti. Per l'anno prossimo quando sarebbe dovuto scattare l'aumento di cinque mesi del requisito (a 43 anni e tre mesi) il vantaggio quindi per chi esce con questo percorso sarà solo di due mesi ma dal 2023 quando ricomincerà a crescere il requisito anagrafico il vantaggio aumenterà perché quello contributivo resterà bloccato.

QUOTA 100 I lavoratori pubblici che maturano, entro quest'anno, il diritto ad andare in pensione con quota 100 (con un minimo di 62 anni di età e 38 di contributi) potranno avere l'assegno a partire dal 1 luglio 2019. E' quanto si legge nella bozza di "Pacchetto pensioni" del Governo sulla pensione anticipata nella quale si precisa che a fronte di requisiti maturati dal primo gennaio 2019 "il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico è conseguito trascorsi sei mesi dalla data di maturazione dei requisiti". Per i lavoratori privati è prevista una finestra "mobile" di tre mesi. Chi matura i requisiti entro dicembre 2018 uscirà il 1 aprile 2019 mentre chi li matura a partire dall'anno prossimo avrà la pensione trascorsi tre mesi dalla maturazione dei requisiti. I requisiti anagrafici saranno adeguati agli incrementi alla speranza di vita dal primo gennaio 2023.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who