Embraco,sindacati, no a part time

Fiom, bisogna partire da ritiro licenziamenti

E' in corso al ministero dello Sviluppo economico l'incontro sulla vertenza Embraco (già rimandato la scorsa settimana dall'azienda), per il futuro dei 500 lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri nel torinese che rischiano il licenziamento a seguito della chiusura dell'impianto annunciata dall'impresa del gruppo Whirlpool.
    "Qualsiasi tipo di trattativa deve partire dal ritiro dei licenziamenti, parlare di part-time mi sembra irrealizzabile anche perché non si può imporre a livello collettivo ma deve essere una scelta individuale". Così Ugo Bolognesi responsabile Fiom Cgil per Embraco a margine del tavolo ha risposto a una domanda sull'ipotesi, uscita sulla stampa, di un'eventuale proposta di part-time da parte dell'azienda fino al prossimo novembre.
    "A noi questa proposta non risulta, l'abbiamo appresa dalla stampa e ci sembra oltre l'indecenza", ha proseguito il sindacalista.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who