Saldi al via. Da subito sconti più alti

Oggi in Basilicata, poi tutti gli altri. Budget medio 150 euro

Il 2018 parte con gli sconti di fine stagione. Tra oggi e sabato scattano in tutta Italia i saldi invernali, appuntamento particolarmente atteso dai consumatori, ma anche dalle imprese, che sperano di rifarsi dopo l'ennesimo anno difficile.
Apre la Basilicata, segue la Valle d'Aosta e poi venerdì gran parte delle regioni avviano le vendite scontate. Quasi un consumatore su due è già pronto a partecipare ai saldi, che quest'anno partono da subito con riduzioni dei prezzi più alte della media.

A tracciare il profilo dei prossimi saldi è la Confesercenti, che in un'indagine con Swg, stima una partecipazione particolarmente elevata di negozianti e consumatori. Gli sconti saranno applicati da circa 280 mila attività commerciali (ovvero uno su tre degli oltre 800 mila negozi italiani), inclusa praticamente la totalità dei negozi di moda e di tessili. Inoltre, circa un italiano su due (il 47%) approfitterà dell'occasione per fare almeno un acquisto; un altro 41% valuterà le occasioni di risparmio prima di decidere se acquistare o meno. L'aumento di interesse dei consumatori viene confermato anche dalle intenzioni di spesa: chi ha già deciso di acquistare prevede in media un budget di 150 euro a persona, e l'86% si dice pronto a spendere come o più dello scorso anno. Quest'anno, inoltre, sarà particolarmente alto lo sconto medio di partenza: il 56% dei negozi partirà con il 30%, mentre il resto praticherà riduzioni iniziali comprese tra il 40 ed il 50%. "Un'occasione di risparmio per i consumatori, ma anche di vendita per le imprese, che cercano l'inversione di tendenza dopo l'ennesimo anno fiacco", spiega il presidente di Fismo Confesercenti Roberto Manzoni, ricordando che "anche le vendite di Natale, seppure positive, sono state sotto le attese" e che "nel 2017 sono spariti altri 2.400 negozi di moda, più di 6 al giorno".

Questi saldi saranno invece un "ennesimo flop" per il Codacons, secondo il quale solo il 40% degli italiani conta di approfittarne per fare qualche acquisto e che il budget dedicato agli affari di fine stagione si ridurrà ad una media di 168 euro a famiglia (-7% rispetto allo scorso anno).

Confcommercio,spesa 330 euro a famiglia, giro 5,2 mld  - Interessano 15,6 milioni di famiglie, muovono in totale 5,2 miliardi di euro, con un budget a persona di 143 euro e una spesa per ogni famiglia di 331 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento, calzature ed accessori. Sono i numeri dei saldi invernali 2018 che oggi partono in Basilicata, domani in Valle d'Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni, secondo le stime dell'Ufficio studi di Confcommercio. "La spesa per gli acquisti in saldo per valore, secondo le nostre stime - commenta il presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio, Renato Borghi - sarà leggermente inferiore a quella dell'anno scorso, ma in linea con il momento. Il vero vantaggio sarà per i consumatori non vedere i prezzi dei negozi, dal primo gennaio, con l'Iva al 25%. Il Governo ha fatto bene ad ascoltarci, sterilizzando le clausole di salvaguardia, ma se vogliamo veramente uscire dal tunnel, occorre un maggior sforzo, coraggio e determinazione per ridurre la pressione fiscale, ancora troppo elevata per imprese e famiglie".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who