Lentezza giustizia costa 2,5 punti Pil

Studio,se più rapida +130mila posti,1000 euro reddito pro-capite

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Lentezze e inefficienze della giustizia ci costano 2,5 punti di Pil, pari a circa 40 miliardi di euro. E' quanto emerge dallo studio Cer-Eures 'Giustizia civile, imprese e territori' presentato oggi da Confesercenti, che evidenzia anche come gli effetti non si limiterebbero al Pil: una giustizia più rapida creerebbe infatti anche 130 mila posti di lavoro in più e circa 1.000 euro l'anno di reddito pro-capite. In media in Italia i tempi per arrivare ad una sentenza nelle procedure civili raggiungono i 991 giorni, più del doppio - evidenzia lo studio - delle medie registrate in Spagna (510 giorni), Germania (429 giorni) e Francia (395 giorni). "Se vogliamo tornare a correre davvero, agganciando una ripresa solida e duratura, dobbiamo rimuovere i difetti strutturali della nostra economia", ha detto la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise, evidenziando che "ogni anno le imprese italiane spendono 3 miliardi di euro di costi legali ed amministrativi solo per i contenziosi lavorativi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who