Banche, 'Commissione d'inchiesta parte dalle crisi più recenti'

'Si comincia da bance Venete e poi a ritroso'. Relazione del presidente Casini

Le indagini della commissione bicamerale d'inchiesta sulla banche seguiranno "il criterio dell'attualità" alla stregua del quale "appare ragionevole partire dalle audizioni sugli interventi più vicini che i governi pro-tempore hanno posto in essere per poi risalire a ritroso a quelli più lontani". Così si legge nella relazione odierna del presidente Pier Ferdinando Casini secondo la quale si dovrebbe quindi partire dalla più recente crisi delle banche venete.

La commissione d'inchiesta sulle banche si occuperà di seguire in maniera specifica il tema degli stipendi dei manager bancari. La tematica - prevista tra le quattro principali dalla legge istitutiva della commissione "andrà trattata separatamente" perché "acquista particolare rilievo alla luce del fatto che a volte gli standard stipendiali in questione non sono risultati in linea con la situazione di difficoltà delle singole banche", si legge nella relazione del presidente della commissione.

Commissione parte martedì con pm Orsi e Greco  - La Commissione bicamerale d'inchiesta sul sistema bancario comincerà le proprie audizioni martedì e mercoledì prossimi, il primo audito sarà il sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione, Luigi Orsi (martedì prossimo alle 13.30) mentre mercoledì, alle 13.00, verrà sentito il procuratore della repubblica presso il Tribunale di Milano, Francesco Greco. Così si legge in una nota diffusa dall'ufficio stampa della commissione in cui si legge che è questa la decisione presa dal presidente Casini dopo aver ascoltato tutti i rappresentanti dei Gruppi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ultima ora



Vai al sito: Who's Who