Fisco: precompilata fai-da-te a 2,1 mln, superato 2016

Primo check su invii autonomi, mancano 2 settimane a scadenza

La precompilata fa il boom di trasmissione ''fai da te''. A due settimane dalla scadenza è stata raggiunta la soglia dei 2,1 milioni di modelli trasmessi autonomamente dai cittadini, toccando così il risultato definitivo raggiunto nel 2016. ''Sempre più contribuenti - spiega l'Agenzia delle Entrate nel diffondere i dati - scelgono di gestire da soli l'appuntamento annuale con il fisco, anche grazie alla presenza di tutte le spese sanitarie nei modelli predisposti dall'Agenzia''.

Al 10 luglio - spiega l'Agenzia delle Entrate - secondo i dati registrati dal partner tecnologico Sogei, sono stati già trasmessi autonomamente dai cittadini circa 2 milioni di dichiarazioni 730 e circa 100mila modelli Redditi PF (persone fisiche, ndr). Al dato parziale 2017 vanno potenzialmente sommati oltre 381mila modelli che risultano salvati e pronti per il click finale. Per la presentazione del 730 precompilato direttamente tramite l'applicazione web l'ultimo giorno utile è il 24 luglio, mentre per il modello Redditi precompilato c'è tempo fino al 2 ottobre 2017. L'Agenzia ricorda che accetta e invia il 730 precompilato senza modifiche o con modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito o dell'imposta non sarà sottoposto a controllo formale sui documenti relativi alle spese riportate nella dichiarazione. I benefici relativi ai controlli si aggiungono ai vantaggi connessi all'uso del modello 730, che consente di ottenere il rimborso dell'imposta subito in busta paga o nella rata di pensione; se invece sono dovute imposte, queste verranno trattenute, sempre direttamente in busta paga, dalla retribuzione o dalla pensione. Anche per le prossime due settimane rimane in piedi un'assistenza a tutto campo per chi si cimenta con la ''precompilata''. Coloro che non hanno ancora premuto "invio" a causa di qualche dubbio possono sfruttare tutti i canali di assistenza dell'Agenzia: da Messeger su Facebook al sito web, fino all'oramai tradizionale aiuto telefonico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who