Alitalia: Gubitosi, il taglio dei costi partendo da carburante

Ci sono contratti copertura anche del 20% superiori a mercato, Delrio, litigai con ad, problema vero sono ricavi

Il commissario di Alitalia Luigi Gubitosi, in un'anticipazione di Report (Rai3), spiega come stanno intervenendo per ridurre i costi della Compagnia:  "Stiamo toccando tutta l'azienda dal lato costi, partendo dal costo del carburante perché ci sono dei contratti di copertura fatti a livello superiore a quelli di mercato, circa del 20% in più, e quindi stiamo cercando di sciogliere i contratti con i poteri che ha l'amministrazione straordinaria".

Si tratta di un'operazione che farebbe risparmiare, per Gubitosi, tra i 100 e i 120 milioni. Infine: se ci saranno i presupposti, i commissari stanno valutando una azione di responsabilità verso gli ex manager.

Delrio, litigai con ad, problema vero sono ricavi - "Ho litigato duramente con l'amministratore delegato di Alitalia perché accusava il governo italiano di non promuovere a sufficienza il turismo. Il fatto che noi abbiamo chiuso accordi con tutte le compagnie per potenziare i posti e promuovere il turismo, significava semplicemente che loro non erano in grado di stare al passo con la rapidità con cui si muoveva la richiesta di Italia". Lo ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ai microfoni di Report in onda stasera. "Il problema vero di Alitalia - ha detto - non è il taglio dei costi, anche se anche lì si può fare meglio, ma è il tema dei ricavi. Hanno sempre voluto concentrarsi sulle rotte nazionali. Credo che ci siano delle responsabilità precise, perché questa compagnia, che è privata da tanti anni, non ha mai trovato un manager che faccia quello che aveva annunciato di fare, cioè di spostare il core business sui voli di medio e lungo raggio. Anche con un partner così pieno di risorse come è stato Etihad, non hanno fatto queste strategie, hanno preferito lamentarsi".  

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who