Draghi: "Più crescita è chiave per ridurre debito"

"Ripresa Eurozona migliora e guadagna forza"

La bassa crescita dei salari, che sono "ben al di sotto delle medie storiche", è uno degli elementi che rallentano l'inflazione nonostante l'azione della Bce. Lo ha detto a Francoforte il presidente della Bce Mario Draghi, spiegando che sulla bassa crescita salariale pesa il sottoutilizzo di capacità produttiva e il fatto che in molti Paesi le contrattazioni si sono già concluse per l'anno in corso: "è per questo che rimane essenziale continuare a sostenere la domanda", ha detto Draghi

"Nonostante i segni di miglioramento, è chiaramente troppo presto per dichiarare vittoria" sul fronte dell'inflazione e anzi "al momento c'è ragione per essere cauti nel valutare quanto le prospettive d'inflazione si siano stabilizzate" ha aggiunto Draghi che "la continuazione del sostegno (monetario, ndr) è fondamentale" per sostenere la dinamica dei prezzi.

Il presidente della Bce sottolinea comunque che "la ripresa sta migliorando e guadagnando forza". "La ripresa - evidenzia - sta traendo spinta da un circolo virtuoso fra consumi in rialzo, crescita dell'occupazione e redditi da lavoro". "La crescita nominale ora sta aiutando" a ridurre il debito, e praticamente per la prima volta dall'introduzione dell'euro "la spesa sale mentre l'indebitamento scende", ha detto Draghi spiegando che per "il contributo della crescita nominale è sempre stato decisivo per il successo" del 'deleveraging', cioè della necessaria riduzione di un debito eccessivo.

La crescita delle retribuzioni a minimi da 35 anni -  I salari italiani a febbraio hanno registrato la crescita più bassa da 35 anni segnando una riapertura della forbice con l'andamento dei prezzi dopo anni di tenuta del potere d'acquisto favorita dalla bassa inflazione. Le affermazioni del presidente della Bce, Mario Draghi, sulla necessità che crescano gli stipendi per far ripartire i consumi, arrivano in un momento in cui il nostro Paese sconta il blocco degli stipendi pubblici che dura ormai da sette anni e un calo significativo della produttività a fronte di un'inflazione in ripresa.

Boccia, aumentare salari aumentando la produttività - "Aumentare i salari, aumentando la produttività. Non ci dimentichiamo i dati di ieri che ci dicono che siamo 10 punti di cuneo fiscale sopra rispetto alla media europea. Quindi noi abbiamo un problema di costo del lavoro, ma ancor di più costo di lavoro-produttività". Lo ha detto a margine di un convegno a Pozzilli, il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, commentando la dichiarazione del presidente della Bce Mario Draghi sulla necessità di aumento dei salari per consolidare l'inflazione.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who