Garanzia giovani: Ministero, bonus per chi assume tirocinante

Da 3.000 a 12.000 euro, si cumula con sgravio contributi

Il bonus occupazionale di Garanzia Giovani raddoppia il suo importo per le aziende che decidono di assumere a tempo indeterminato il tirocinante che hanno presso di loro. Lo fa sapere il ministero del Lavoro spiegando che il bonus variabile tra i 3.000 e i 12.000 euro a seconda dell'occupabilità del giovane, vale per le assunzioni stabili che si faranno da domani e fine anno solo per i tirocini già avviati entro il 31 gennaio 2016. Il bonus si cumula con gli sgravi del 40% dei contributi previdenziali previsti dalla legge di stabilità per il 2016.

Le risorse stanziate per il progetto ammontano a 50 milioni e quindi consentono di assumere circa 16.000 persone con il bonus ''minimo'' o poco più di 4.000 persone con il bonus massimo. E' previsto che le persone assunte debbano rappresentare per l'azienda un incremento occupazionale (a meno di uscite di personale volontarie o per pensionamento). 

Da domani - spiega il ministero in una nota - ''verrà riconosciuto un super bonus occupazionale -da un minimo di 3.000 ad un massimo di 12.000 euro- ad un datore di lavoro che assuma, con un contratto di lavoro a tempo indeterminato, un giovane che abbia svolto, o stia svolgendo, un tirocinio extracurriculare finanziato nell'ambito di Garanzia Giovani.

L'incentivo potrà essere fruito dai datori di lavoro che attiveranno un contratto di lavoro a tempo indeterminato a partire dal 1° marzo 2016 e fino al 31 dicembre 2016, per i tirocini avviati e/o conclusi entro il 31 gennaio 2016''. Questa integrazione alla misura "bonus occupazionale", mirata a promuovere la trasformazione dei tirocini in contratti di lavoro stabili - prosegue la nota - rientra tra le iniziative che, da inizio anno, hanno dato avvio alla "fase due" della Garanzia Giovani, un'azione di miglioramento costante del programma attraverso un aumento delle opportunità offerte ai giovani iscritti''.

Il ministero ricorda inoltre che dal 1° marzo i giovani iscritti a Garanzia Giovani che vogliano avviare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità potranno presentare (utilizzando la procedura informatica a disposizione sul sito www.invitalia.it accessibile dalla sezione dedicata disponibile sul sito www.garanziagiovani.gov.it) le domande per ottenere le agevolazioni previste da SELFIEmployment, Fondo Rotativo Nazionale promosso dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali e gestito da Invitalia, che eroga finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma, con un piano di ammortamento della durata di sette anni, di importo variabile da un minimo di 5.000 ad un massimo di 50.000 euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who