Borsa: Milano -1,9% con Europa, Mps -8%

Crollo petrolio affossa listini, a picco diritti Saipem, giù Eni

(ANSA) - MILANO, 2 FEB - Resta pesante la situazione a Piazza Affari a metà seduta, con il Ftse Mib che cede l'1,95% e gran parte del listino principale in rosso. Affondano Milano le vendite sui bancari, con Mps (-8%) e Banca Carige (-6,7%) che restano i titoli più bersagliati assieme a Bper (-4%) e Ubi banca (-3,2%). Il crollo del petrolio pesa su Saipem (-3,9%), i cui diritti dell'aumento di capitale sono oggetto di un pesante sell-off (-14,1%), ed Eni (-2,7%), su cui impattano i deludenti risultati del quarto trimestre di Bp. Pensanti anche le Generali (-3,1%), che riuniranno il board il prossimo 9 febbraio e su cui ha espresso preoccupazioni un report di Bernstein, e Poste Italiane (-3,3%). Si muove in controtendenza Luxottica (+0,46%), che arresta il crollo della vigilia.
    vanno male anche le altre borse europee, su cui crollano ancora una volta petroliferi (-3,8% l'indice Dj Stoxx), minerari (-2,8%) e banche (-2,8%): Parigi cede l'1,8%, Londra l'1,5% e Francoforte l'1%.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who