Istat: in Italia 4,2 milioni di microimprese, 95% del totale

Crisi non ha modificato struttura. Media 3,9 addetti per azienda

 "La crisi non ha modificato le caratteristiche strutturali del sistema produttivo italiano". Lo rileva l'Istat nel rapporto annuale, spiegando che "i tratti salienti" del sistema "non sono mutati nel corso delle due fasi recessive che hanno colpito la nostra economia dal 2008".
    L'Italia infatti, fa sapere l'Istituto, "continua a essere caratterizzata da una larga presenza di microimprese (con meno di dieci addetti), che sono circa 4,2 milioni".
    Le piccole o piccolissime aziende rappresentano, sottolinea l'Istat, "il 95% del totale delle unità produttive e impiegano circa 7,8 milioni di addetti (il 47% contro il 29% nella media europea)". L'Istituto invece evidenzia una quota "particolarmente modesta di imprese di maggiori dimensioni (oltre 250 addetti; lo 0,1% delle imprese e il 19% degli addetti)". Per l'Istat "questa frammentazione, solo in parte mitigata dalla presenza di gruppi d'impresa, determina una dimensione media molto contenuta (3,9 addetti per impresa a fronte di una media europea di 6,8 addetti), una struttura proprietaria molto semplificata (63,3% di imprese individuali) e una quota di lavoratori indipendenti pari a oltre il doppio di quella media europea".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who