Pensioni: Cottarelli, spesa al top, legarle a contributi

Serve un provvedimento ben disegnato per evitare problemi futuri

"La spesa per pensioni in Italia è paro al 16,5% Pil, la più alta tra paesi avanzati". Lo ha detto Carlo Cottarelli del Fmi a Radio Anch'io precisando che "alla luce sentenza consulta occorrerebbe un provvedimento ben disegnato per evitare problemi legali futuri". Soprattutto bisognerebbe commensurare le pensioni ai contributi.

Cottarelli ha ricordato tra l'altro che in un paese come il Giappone la spesa pensionistica pesa per l'11,12% del Pil. In Italia, nella spesa pensionistica, ha spiegato, rientrano alcune voci "che in altri paesi viene catalogata come spesa per assistenza". Queste voci contano per 2 punti percentuali di Pil, ha sottolineato, "se si tolgono questi resta comunque un peso molto elevato che toglie spazio ad altre spese". In Italia, ha quindi ricordato, la spesa pensionistica è più elevata sia "per la struttura della popolazione, che è più anziana, e poi anche perche in passato le pensioni erano più elevate dei contributi effettivamente pagati". Quanto alle misure prese dal governo dopo la decisione della Corte Costituzionale sulle pensioni, Cottarelli ha detto che il loro impatto "sarà limitato: il Governo ha infatti confermato gli obiettivi di deficit precedenti alla decisione della Consulta". Il responsabile Fmi si è detto comunque che quella del Governo "sia stata la cosa giusta da fare. Rimane il fatto che l'Italia ha un debito pubblico molto elevato e, a parte le regole Ue da rispettare, se i tassi salissero sarebbe problema. c'era poco spazio per per spendere di più".


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who