Bilancio Ue, Commissario Dominik: sorpreso da reazione Cameron

Gran Bretagna non aveva espresso problemi su cifra aggiustamento

"Sono stato sorpreso dalla reazione del premier David Cameron, perché non c'era stato alcun segnale dall'amministrazione britannica che c'erano problemi con questa cifra": così il commissario Ue al budget Jacek Dominik parlando dell'aggiustamento di 2,1 miliardi al budget europeo chiesti a Londra. Il commissario ha sostenuto che c'erano state almeno due occasioni in passato, in cui la Gran Bretagna avrebbe potuto far presente la questione, e "in nessuno di questi incontri ha espresso preoccupazione".

"Il regolamento comunitario impone che l'aggiustamento al budget sia pagato entro il primo di dicembre. Se questo non avviene, i servizi della commissione invieranno una lettera per segnalare la cifra mancante e chiedere spiegazioni" e la procedura prevede che dopo un certo periodo di tempo scattino delle "multe", aggiunge Dominik.

"Gli Stati membri erano perfettamente coscienti del processo" dei ricalcoli dei parametri secondo il sistema Sec 2010 e "delle conseguenze". Così Dominik parlando delle "tensioni politiche" all'ultimo vertice dei leader dei 28. Infatti "il ruolo principale" nel processo del ricalcolo, ha spiegato Dominik, è stato svolto "dagli uffici di statistica nazionali di ciascun Stato membro", assieme a Eurostat.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who