Avvocati Cbs, Moonves distrusse prove

Dipendente "reperibile" per sesso. Ora a rischio buonuscita

(ANSA) - NEW YORK, 5 DIC - Per salvare la faccia e una liquidazione da 120 milioni di dollari, l'ex capo della Cbs Les Moonves distrusse prove e mise fuori pista gli investigatori che indagavano sulle sue malefatte sessuali. Queste le conclusioni di una commissione di avvocati assunti dalla rete secondo cui l'azienda ha tutte le giustificazioni per non pagare. Il rapporto dei legali - 59 pagine ottenute dal New York Times - contiene nuove rivelazioni in aggiunta a quanto emerso a settembre e che ha costretto alle dimissioni da amministratore delegato uno dei più acclamati executive di Hollywood. Si scopre così che una dipendente della rete doveva essere "sempre reperibile" per il sesso orale con il capo. "Altri dipendenti lo sapevano ed erano convinti che per questa mansione la donna fosse protetta da sanzioni disciplinari o licenziamenti", si legge. Alla guida della Cbs da 15 anni e, dopo la caduta di Weinstein, forse la vittima più illustre del movimento #metoo, Moonves ha plasmato la tv americana per oltre 30 anni.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA