Torna 'La rivolta degli oggetti'

A RomaEuropa ripresa dello storico spettacolo de La Gaia Scienza

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - 1976, un anno di quelli in bilico, tra la spinta della contestazione del '68, la speranza di un cambiamento e la repressione, la disillusione che porterà molti a scelte violente radicali. Emblema di quel periodo che usa come metafora di lettura di quell'atmosfera il vitalismo e il senso di sconfitta di Vladimir Majakovskij e dei suoi versi fu lo spettacolo 'La rivolta degli oggetti', andato in scena al Beat 72, tempio della neoavanguardia romana, e ora riproposto nel cartellone di RomaEuropa al Teatro India - fino al 3 novembre - in modo abbastanza filologico e solo qualche lieve intervento a segnare il tempo.
    Dopo il successo della riproposta di 'Tango glaciale' di Mario Martone (1982), ecco questa rivisitazione ancor più emblematica del primo rivelatorio lavoro del gruppo 'La gaia scienza', Giorgio Barberio Corsetti (oggi direttore del Teatro di Roma), Marco Solari e Alessandra Vanzi, che operò per una decina di anni con spettacoli che vanno da 'Cronache marziane' a 'Cuori strappati'.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA