Teatro: T.Bianco, porto Napoli in E-R

Con la sua scuola di Bologna giovedì al Duse 'Miseria e nobiltà'

(ANSA) - BOLOGNA, 14 MAR - "Il teatro deve servire solo a incentivare la nostra voglia di amare. Per questo bisogna farlo con amore". L'attore Tommaso Bianco, 72 anni, napoletano, ha alle spalle mezzo secolo di carriera accanto ai grandi del Novecento, da Eduardo De Filippo, Dario Fo e Ugo Gregoretti a Mario Monicelli, Franco Zeffirelli, Lina Wertmüller ed Ettore Scola. E' considerato da molti "l'ultimo grande Pulcinella" dopo Antonio Petito, 'onere' declinato con garbo argomentando che "Pulcinella è una filosofia di vita, e quindi si fonde con qualunque realtà. Una maschera che non è 'di un uomo' ma 'dell'uomo'". Da dieci anni vive a Bologna, e giovedì 17 marzo salirà sul palco del Duse - dove esordì nel 1968 in 'Filumena Marturano' - per portare in scena 'Miseria e nobiltà' di Eduardo Scarpetta, in una rilettura che omaggia la celebre versione di De Filippo e, "anzi, soprattutto", quella cinematografica di Totò. La scenografia è curata dagli studenti dell'Accademia delle Belle arti di Bologna, guidati dal prof.Franco Savignano.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA