Omar Pedrini, 'viaggio senza vento' tra rock e arte

Lunedì a Milano ultimo concerto del tour dedicato ai Timoria

Una serata evento, tra musica, arte e beat generation, per Omar Pedrini che chiude il suo 'Timoria, viaggio senza vento'. L'appuntamento con il rocker bresciano è quello in calendario per lunedì al Fabrique di Milano, dove l'ultimo concerto della tournée dedicata allo storico album 'Senza vento' dei Timoria, pietra miliare del rock italiano degli anni Novanta, andrà in scena in forma di evento a cavallo tra le arti. Con la musica dei Timoria, band della quale Pedrini è stato l'alfiere-chitarrista, sul palco ci saranno anche Eugenio Finardi e Mauro Pagani, già ospiti dell'originale 'Viaggio senza vento' per il quale duettarono con Pedrini sulle note di 'Verso Oriente' e 'Lomnbardia', ma anche Ensi. Alla serata parteciperà anche lo scrittore e tatuatore siberiano Nicolai Lilin e ci sarà tempo anche per la proiezione del docufilm 'Lawrence.
    A Life in poetry', dedicato a Ferlinghetti. "Chiudo questo tour con un art-rock party - ha detto Pedrini - e mi preparo per nuovi progetti. La ristampa di 'Senza vento' ha avuto un successo che non mi aspettavo. Lo sapevamo tutti che una Reunion dei Timoria sarebbe stata impossibile, anche se durante gli incontri instare che abbiamo fatto è arrivata tantissima gente.
    L'album, a suo tempo, è stato un cambiamento per la musica italiana e dopo i Timoria anche altre band hanno deciso di cantare in italiano". Sul palco della festa-concerto di lunedì ci saranno tanti ospiti in qualche modo legati al mondo di Pedrini e dei Timoria. "Lilin è stato anche il mio tatuatore - ha detto Pedrini - e ha disegnato un pezzo della mia vicenda di uomo e musicista sul mio avambraccio. Oggi, dopo le operazioni al cuore non posso più tatuarmi". L'ultimo ospite della serata ad aggiungersi alla lista è stato il rapper Ensi. "Volevo rappresentare diverse generazioni sul palco - ha spiegato Pedrini - dove ci saranno gli anni Sessanta e Settanta, i Novanta dei Timoria e i giorni nostri che possono esser ben rappresentati da Ensi". Se con Lilin ci sarà modo di parlare di rock in Russia ai tempi del comunismo e della situazione globale climatica, sul palco del Fabrique salirà poi anche Matteo Guarnaccia, artista e scrittore, rappresentante della cosiddetta 'psichedelia' italiana. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA