A Bologna è ritornata la Mozart

Il complesso fondato da Abbado ha risuonato dopo oltre due anni

(ANSA) - BOLOGNA, 14 MAR - C'era un clima di forte emozione ieri sera all'Auditorium del Mast di Bologna per il concerto dei solisti dell'Orchestra Mozart, il primo dopo due anni e due mesi di silenzio seguiti alla scomparsa del suo fondatore, Claudio Abbado. C'era aria di festa perché il concerto apriva le celebrazioni per il 350/o anniversario dell'Accademia Filarmonica di Bologna, c'era un pubblico sensibile che ha contribuito alla rinascita dell'orchestra grazie ad una raccolta fondi, e, soprattutto, c'erano tredici splendidi strumentisti capitanati da Lucas Macias Navarro e da Raphael Christ primo oboe e spalla della Mozart. Si è trattato solo di un piccolo complesso da camera, non c'erano i circa sessanta musicisti che Claudio Abbado era riuscito a radunare attorno a se e con i quali ha animato per nove anni le stagioni sinfoniche bolognesi (con tante incursioni in molti teatri italiani e internazionali), ma aver risentito la voce di un complesso così importante è già di per sé un fatto di rilevanza notevole.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA