Morto il produttore George Martin, il quinto Beatle

Ringo Starr: 'Peace and love, ci mancherai'

Il produttore discografico George Martin, conosciuto come 'il quinto Beatle', é morto all'età di 90 anni: lo ha reso noto l'ex batterista dei Beatles Ringo Starr sul suo account Twitter. Martin ha prodotto la maggior parte delle registrazioni della band.

 

"George ci mancherà": con queste parole Ringo Starr ha annunciato la morte del produttore dei Beatles George Martin. In un tweet il batterista dei Beatles ha postato una foto del gruppo di Liverpool insieme a Martin con la scritta "Grazie per tutto il tuo amore e la tua gentilezza George, peace and love". Il manager di George Martin, 90 anni, ha detto che è morto in pace nella sua casa.

 

Il primo ministro britannico David Cameron ha definito George Martin, il produttore dei Beatles "un gigante della musica". Ringo Starr ha annunciato la morte di quello che veniva definito "il quinto Beatles" in un tweet .

"Possiamo confermare - ha detto Adam Sharp, uno dei fondatori della Ca Management - che George Martin è morto serenamente a casa ieri sera. E' stato - ha proseguito - uno dei maggiori talenti creativi della musica e un gentiluomo. Martin - ha aggiunto - iniziò a produrre dischi per la Emi negli anni '50, lavorando in registrazioni per commedie con Peter Sellers, Spike Milligan e altri. Il suo primo grande successo risale al 1961, con The Temperance Seven e, con i Beatles, "ha contribuito a rivoluzionare l'arte della registrazione di musica pop". "In una carriera che ha attraversato sette decenni, è stato un'ispirazione per molti ed è riconosciuto globalmente come uno dei maggiori talenti creativi della musica". Troppo modesto per definirsi "il quinto Beatle", come molti ritengono meritasse, Martin ha prodotto alcuni degli album più celebri e influenti dei tempi moderni, come "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band," "Revolver" "Rubber Soul", "Abbey Road". Vinse sei Grammy e fu iscritto nella Rock and Roll Hall of Fame in 1999.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA