A Caracalla con Verdi, Nureyev e Bolle

Fuortes, possibile anche qualche serata a sorpresa

(ANSA) - ROMA, 8 MAR - Un approccio popolare ma di alto livello artistico, in un cartellone che unisce melodramma, danza e musica: si muove nel segno della continuità la stagione estiva del Teatro dell'Opera di Roma, che dal 22/6 al 10/8 porterà a Caracalla i "classici" Verdi, Rossini, Puccini e Nureyev, accanto a Roberto Bolle, Lionel Richie, Neil Young e Lang Lang.
    Forte del successo dello scorso anno (oltre 72 mila spettatori e un incasso di 3.7 mln di euro), la Fondazione capitolina ha dunque deciso di replicare una formula già sperimentata, creando cioè un programma denso di titoli di grande appeal per il pubblico ma senza mai senza sacrificare la qualità. "Caracalla è la gemma dell'estate romana", ha detto il sovrintendente Carlo Fuortes, rivelando che, seppure definito, il "programma potrà lasciare spazio anche a qualche sorpresa perché ci sono ancora alcune serate libere".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA