Premi: l'August Prize all'esordiente svedese Patrik Svensson

Per 'Nel segno dell'anguilla' pubblicato da Guanda

 Lo svedese Patrik Svensson, autore esordiente del libro 'Nel segno dell'anguilla' pubblicato in Italia da Guanda, è il vincitore del prestigioso 'August Prize', il più importante premio letterario svedese, per la categoria non fiction.
In perfetto equilibrio tra memoir e racconto scientifico, è una storia di formazione, un'ode al più misterioso dei pesci, l'anguilla, una creatura che rischia l'estinzione e il cui luogo di riproduzione nel Mar dei Sargassi è oggi minacciato dal cambiamento climatico.

 "Una vertiginosa storia con una venatura filosofica ed esistenziale sull'origine e la mitologia dell'anguilla, animale in via di estinzione, sul suo posto nel mondo della natura ed in quello degli esseri umani, che porta il lettore a navigare in acque profonde, sia figurativamente che letteralmente parlando.
Patrik Svensson ci porta a seguire l'anguilla fino al Mar dei Sargassi, e scende anche nelle profondità dell'animo umano, della sua anima, grazie al rapporto speciale con il padre.
Perché questa è anche una storia di un padre e di un figlio e dell'amore condiviso per le anguille che li ha legati in un rapporto davvero unico" sottolinea la motivazione al premio.
Cresciuto in una piccola città del sud della Svezia, non lontano da quella che viene comunemente chiamata "la costa delle anguille", Svensson e' nato nel 1972 e vive a Malmo con la famiglia. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA