Qui da noi non c'è posto, accoglienza spiegata ai bambini

Con Lindau Junior una storia di pregiudizi e speranza

(ANSA) - ROMA, 28 NOV - Andrée Poulin/Enzo Lord Mariano, QUI DA NOI NON C'E' POSTO (Lindau Junior, pp.32, 16 euro). La parola rifugiato che fa rima con accoglienza, mentre razzismo e xenofobia vengono cancellati dal vocabolario: è un libro di speranza, ma anche un'occasione per far riflettere i più piccoli su un tema di scottante attualità come l'immigrazione "Qui da noi non c'è posto", il nuovo albo illustrato di Lindau Junior, in uscita il 29 novembre. Scritto da Andrée Poulin, con i disegni di Enzo Lord Mariano, il volume (che l'8 dicembre sarà presentato a Roma nell'ambito di Più libri, più liberi) ha il pregio di saper parlare al cuore, raccontando una storia che fa commuovere, ma che appare necessaria perché con semplicità insegna il valore della fraternità, della tolleranza e del rispetto.
    Troppe bombe, troppo sangue, l'unica scelta è partire lasciandosi alle spalle il proprio paese: è così che i fratelli Marwan e Tarek diventano profughi, iniziando il loro terribile viaggio per mare su una barca sovraccarica di altri disperati.
    Dopo una traversata che sembra non avere fine, in cui conosceranno il rifiuto, l'indifferenza e il pregiudizio degli altri, finalmente i due piccoli protagonisti troveranno rifugio e, con esso, la speranza del futuro grazie ad altri bambini che apriranno loro il proprio cuore. Il libro, il cui valore educativo è stato riconosciuto da Oxfam Italia, vuole essere uno strumento valido che docenti e genitori possono utilizzare per spiegare ai bambini in modo diretto ed efficace non solo l'importanza dell'accoglienza e la necessità di aprirsi verso chi viene considerato 'diverso', ma anche il significato di parole come "profugo", "profugo interno", "rifugiato", "richiedente asilo", "apolide". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA