Luciano de Crescenzo, 90 anni da saggio

Intellettuale partenopeo tra libri, film e apparizioni tv

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il 20 agosto del 1929, nasce a Napoli, l'esemplare tipico dell'intellettuale partenopeo.
    Luciano de Crescenzo, figlio di un fabbricante di pellami, ha svelato negli anni e a modo suo, ogni dettaglio della sua biografia: dai genitori che si conoscono "in fotografia" alle marachelle col compagno di scuola Carlo Pedersoli in arte Bud Spencer; dall'apprendistato nella ditta paterna agli studi in ingegneria idraulica passando per i giorni di guerra a Cassino.
    Dietro l'aria sorniona, l'ingegner De Crescenzo è prima di tutto un umanista che ha fatto di ironia e divulgazione le sue bandiere espressive, intingendo il tutto in un umorismo sapido e colto che diventa popolare con la levità tipica della sua cultura, fatta risalire alla filosofia greca tradotta nel buonsenso comune. Dopo aver fatto carriera da informatico, lascia il lavoro e si dedica alla scrittura in "Così parlo Bellavista" (1977), che vendette oltre 600 mila copie. E' seguita un'altra cinquantina di testi, ma è stato anche regista, attore, opinionista.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA