Libri: Leonardo, 'architetto' del cibo

A 'Taste'. Da studi leonardiani a ricette per le tavole di oggi

(ANSA) - FIRENZE, 14 MAR - Prende vita oggi un ritratto inedito di Leonardo da Vinci, raccontato in un libro che esplora il suo legame con il cibo e l'alimentazione. Ecco il cuore del volume 'Leonardo non era vegetariano. Dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero' (Maschietto Editore, 192 pagine, 19 euro), presentato stamani a Taste, la fiera del gusto organizzata da Pitti Immagine alla Stazione Leopolda di Firenze. Maestro di cerimonie e banchetti a Firenze, Milano e Amboise, Leonardo studiò le materie prime, inventò macchine e utensili per la loro lavorazione, ragionò sulle caratteristiche dei territori di produzione, codificò disciplinari di prodotti come l'olio, il pane e il vino, esplorò le proprietà degli alimenti in relazione alla salute del corpo, e scrisse favole, 'profezie', indovinelli e rebus ispirati al tema del cibo. E ovviamente il cibo è rappresentato in alcuni suoi dipinti, a partire dal Cenacolo milanese, che senza dubbio è la mensa più famosa del mondo. Prendendo spunto da queste suggestioni, presentate e raccontate autorevolmente da Alessandro Vezzosi e Agnese Sabato del Museo Ideale Leonardo Da Vinci, lo chef Enrico Panero (Ristorante Da Vinci, Eataly Firenze) presenta nel volume 15 ricette capaci di evocare il mondo di Leonardo (il testo è illustrato da opere, disegni e documenti leonardiani). La ricette sono introdotte dalle note di Annamaria Tossani, che collegano la cucina di Leonardo a quella del nostro tempo, mentre in appendice c'è un glossario con gli ingredienti studiati da Leonardo e impiegati nelle ricette di Panero e una cronologia leonardiana. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA