Cate Blanchett donna in crisi di nervi

In sala Che fine ha fatto Bernadette? di Linklater

Quella faccia indisponente e spocchiosa di Bernadette Fox (Cate Blanchett) alla fine nasconde un film natalizio. Ma bisogna compiere il lungo percorso previsto in 'Che fine ha fatto Bernadette?' di Richard Linklater, in sala dal 13 dicembre con Eagle Pictures e Leone Film Group. E va detto che la Blanchett è perfetta per interpretare una leggenda nel campo dell'architettura che a un certo punto da Los Angeles si è ritirata a Seattle, con tanto di marito e figlia adolescente, per fare una vita privata che odia. Un ruolo che le è valso la nomination (la decima, a fronte di tre vittorie) alla prossima edizione dei Gloden Globe, in programma il 5 gennaio a Los Angeles.

Il film, tratto dall'omonimo romanzo di Maria Semple che dopo il debutto nel 2012 è subito salito in cima alla lista dei bestseller del New York Times, racconta appunto di questo architetto geniale che sembra odiare davvero tutti, compresa se stessa. Fatto sta che nessuno la può vedere. A salvarsi, almeno in parte, dalla sua cronica anaffettività sono la figlia Bee (Emma Nelson) e il marito Elgie Branch (Billy Crudup) ricercatore Microsoft. Quando ormai la depressione con tendenze suicide di Bernadette diventa un fatto conclamato e una psicologa è pronta ad intervenire, la figlia Bee le chiede di accompagnarla in un viaggio in Antartide come premio per la sua pagella perfetta. La madre sembra accettare il viaggio, ma tutta una serie di imprevisti fanno sì che Bernadette, più che seguire la figlia, si dia alla fuga.

La solitudine è la cosa che le è più congeniale come quella creatività che da troppo tempo ha soffocato. Nel cast di questo film anche Kristen Wiig, Judy Greer e Laurence Fishburne. "È il ritratto davvero complesso di una donna di mezza età particolarmente geniale ma che non pratica la sua arte - dice il regista -. Ciò che viene dopo è divertente e anche un po' spaventoso. Per chiunque. È anche un ritratto meravigliosamente complesso di una relazione a lungo termine, della genitorialità e degli alti e bassi che la caratterizzano". Per il premio Oscar Cate Blanchett, invece: "è uno sguardo molto divertente e doloroso su una donna che si trova in un momento di caos, in procinto di affrontare un enorme cambiamento nella sua vita. Tutte le negatività vengono fuori da ciò che pensavi di essere, dovendo affrontare chi sei veramente, per passare poi a chi potresti diventare. E così - ribadisce l'attrice - troviamo Bernadette e la sua famiglia in un momento di crisi. Penso che stia attraversando il caos, perché non si può sfuggire a ciò che si pensa di essere, e ci si deve confrontare con chi si è in realtà prima di poter andare avanti - e ciò accade spesso nella mezza età". E, infine, sempre la Blanchett: "La cosa con cui forse mi sono identificata maggiormente è l'impossibilità di sfuggire a se stessi e soprattutto il fatto che, quando si invecchia, è necessario affrontare il passato e assumersi la responsabilità di se stessi per poter andare avanti".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA