Un docufilm racconta la partita di calcio Bertolucci-Pasolini

'Centoventi contro Novecento' in prima nazionale a Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 NOV - La partita che cambiò il destino del cinema italiano" è al centro del docufilm 'Centoventi contro Novecento' di Alessandro Scillitani e Alessandro Di Nuzzo, che - dopo l'anteprima di fine settembre a Milano Calciocity - sarà presentato in prima nazionale al Cinema Teatro Galliera di Bologna martedì 26 novembre (ore 21.30), in occasione del primo anniversario della morte di Bernardo Bertolucci.
    "Marzo 1975. In una domenica di primavera - ricorda il regista Alessandro Scillitani - sul campo del parco della Cittadella di Parma, si affrontano due singolari squadre di calcio: la rappresentativa della troupe di 'Salò o le centoventi giornate di Sodoma' di Pier Paolo Pasolini contro quella di 'Novecento' di Bernardo Bertolucci. Due film che segneranno la storia del cinema italiano e che si stanno girando negli stessi giorni, a pochi chilometri di distanza. Sarà una partita epica, leggendaria nei racconti della gente di cinema che vi partecipò, ma praticamente sconosciuta al pubblico".
    "Ricostruendo minuziosamente la storia di quella domenica e la memoria ancora viva dei protagonisti - aggiunge lo sceneggiatore Alessandro Di Nuzzo - il film tocca diversi argomenti: l'atmosfera dei set di quei due grandi film del cinema italiano, il rapporto contrastato fra Pasolini e il suo ex allievo Bertolucci, il legame fra quest'ultimo e le radici parmigiane e contadine. Su tutto aleggia, come un filo rosso, il rapporto fra Pier Paolo Pasolini e il calcio: passione inesauribile, pratica continua e quasi ossessiva, espressione di pura vitalità, addirittura di una felicità possibile".
    Dopo la 'prima' di Bologna seguiranno varie presentazioni del docufilm fra Emilia, Friuli, Lombardia e Toscana. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA