Norton, io detective ricco di sindromi

In Motherless Brooklyn racconto anche ombre di oggi

(ANSA) ROMA 17 OTT - Non si era mai visto un detective privato come Lionel Essrog, affetto dalla sindrome di Tourette (frasi e gesti, anche volgari, fuori controllo e maniacalità tipica degli Asperger). E questo in una New York anni Cinquanta perfettamente ricostruita. A dare luce e anima al personaggio è Edward Norton in 'Motherless Brooklyn - I segreti di una città' - che sarà distribuito dalla Warner Bros dal 7 novembre- , film, interpretato, scritto e diretto dallo stesso Norton, che apre la quattordicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, ispirato molto liberamente dal romanzo di Jonathan Lethem. Al suo interno una miscela esplosiva dove si racconta l'eterna storia di corruzione, malaffare e razzismo all'interno della Grande mela e non solo. "Chi vedrà nel film, per quanto riguarda il potere, la situazione attuale non sbaglierà certo - spiega a Roma Norton -. C'è ora più che mai nel mondo un innamoramento verso i potenti, un'ombra sul potere che vediamo in azione anche in Europa e America Latina".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA