Natalie Portman e la memoria di Israele

Alla ricerca delle radici nell'esordio alla regia tratto da Oz

(ANSA) - CANNES, 15 MAG - Un nobile film per una nobile causa: è "A Tale of Love and Darkness", tratto dall'omonimo romanzo di Amos Oz, prodotto, diretto e interpretato dall'esordiente (come regista) Natalie Portman. Nata a Gerusalemme, con questo film - a Cannes tra le proiezioni speciali - la Portman realizza una sorta di ricerca interiore delle sue radici, specchiandosi nel giovane protagonista che prende pian piano coscienza di sé, ma anche in una figura di donna coraggiosa e ribelle ai conformismi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA