Franceschini, ripristino di 25 mln per museo ebraismo

Ministro, "lo dobbiamo a Liliana Segre"

Cancellati dal precedente governo, sono stati ripristinati dal Mibact con 25 milioni di euro i finanziamenti per il Meis, il museo dell'ebraismo di Ferrara. Lo dice il ministro della Cultura Dario Franceschini. "Lo dobbiamo - sottolinea - a Liliana Segre, a lei personalmente e a quello che rappresenta. La conoscenza è il migliore antidoto contro odio e intolleranza".

"Il Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah - ricorda Franceschini - è stato istituito con una legge dal Parlamento nel 2003. Durante lo scorso governo era saltato il finanziamento di 25 mln di euro necessario per il completamento del Museo. Ma un'idea così importante non si può lasciare a metà ecco perché attraverso una rimodulazione dei Fondi per lo Sviluppo e la Coesione del Ministero, abbiamo recuperato il finanziamento che era stato cancellato". La legge a cui fa riferimento il ministro Franceschini - che ne era il primo firmatario - è la 91 del 17 aprile 2003 che prevede la realizzazione a Ferrara di un polo culturale per testimoniare le vicende che caratterizzano la bimillenaria esperienza ebraica in Italia e far conoscere la vita, il pensiero e la cultura dell'ebraismo italiano dalle sue origini al presente, includendo, con un'attenzione speciale, il periodo delle persecuzioni e della Shoah nell'esperienza specifica degli Ebrei italiani.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA