Aste a New York tra record e flop

Mercato saturo. Burri, Van Gogh invenduti, bene medio prezzo

 Un David Hockney da record, ma Alberto Burri, un Jackson Pollock e un Van Gogh hanno fatto flop: il mercato dell'arte e' entrato in una nuova fase di montagne russe. Dopo una corsa al rialzo la scorsa stagione, nelle aste di autunno di New York i prezzi hanno cominciato a volare in diverse direzioni. Come spiegare i 90 milioni di dollari che hanno fatto di Hockney l'artista vivente piu' costoso della storia ma il Vincent Van Gogh stimato 40 milioni che non ha trovato un compratore? Nella settimana che si e'appena conclusa Sotheby's, Christies's e Phillips hanno scambiato di mano opere d'arte per 1,9 miliardi di dollari, in linea con le aspettative, ma con andamenti imprevedibili: "Difficile capire in che direzione andare", ha commentato il 'Wall Street Journal', notando che capolavori "trofeo" sono restati "in panchina", a differenza di un decennio fa quando, durante la recessione, erano le opere "di serie A" ad attirare clienti in cerca di beni rifugio. A voler trovare un trend, i collezionisti preferiscono ora competere per opere sotto i venti milioni di dollari. Per l'Hockney da Guinness "Ritratto di artista (Piscina con due figure)", Christie's e' partita da 18 milioni: un'esca che ha pagato quando quattro concorrenti si sono arrampicati puntata dopo puntata fino a raggiungere il gran finale. Anche Sotheby's ha fatto il record con un Rene Magritte ("Il Principio del Piacere") partendo a 11 milioni saliti a 26,8.

Altre opere con cartellini del prezzo piu' alto come "Angolo di Giardino con farfalle" di van Gogh da Christie's non sono state vendute. Un problema e' la saturazione del mercato: se ne e' lamentato il CEO di Phillips Ed Dolman dopo la deludente prestazione del Burri e di altre proposte di arte contemporanea della casa. Le aste di autunno a New York sono state dominate da collezionisti americani il cui gusto ha fatto salire al primato per l'artista "Chop Suey' di Edward Hopper da Christie's (91,9 milioni). Altri clienti hanno scartabellato i cataloghi e trovato perle a piu' buon mercato. La fascia intermedia tra i 10 mila e 10 milioni ha continuato a marciare a ritmo accelerato: Christie's ha registrato il cento per cento dei lotti venduti nella sessione da 11.5 milioni di dollari dedicata a Alberto e Diego Giacometti maestri del design. I compratori asiatici, da Taiwan, Singapore e Indonesia, si sono fatti vedere e aiutato a sostenere le vendite di impressionisti e arte moderna: un Monet, "Water Lily Pond" da 32 milioni da Christie's, e altri 16 impressionisti da Sotheby's sono volati in Asia assieme a opere di Chaim Soutine, Camille Pissarro, Donald Judd, Rudolf Stingel e Kaws
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA