Ceccotti, il romanzo della pittura

Fino 14/10 a Roma, 60 anni di opere del pittore detective

(ANSA) - ROMA, 10 SET - Un'auto parcheggiata in strada, di notte. Il silenzio di una palazzina dai vetri bui. E poi lo squarcio di una lama, nell'unica finestra illuminata. Due ombre.
    Un delitto. Il richiamo a Hitchcock è lampante. Ma ecco poi i riferimenti a Diabolik e le strips, i salotti borghesi disseminati di indizi da rebus da Settimana Enigmistica. Ogni dipinto è una storia, un giallo da risolvere. E' Il romanzo della pittura di Sergio Ceccotti, personale che Palazzo delle Esposizioni dedica al ''pittore-detective'', fino al 14/10 nello Spazio Fontana. In tutto 40 opere, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, dai primi dipinti fine anni '50 ricchi di suggestioni neocubiste come Il giradischi o il Ricordo d'Olanda fino al recentissimo, quadro nel quadro, Il mare dipinto. ''Non sono mai appartenuto a nessun movimento, a qualche 'ismo'. Un peccato dal punto di vista commerciale - sorride il Maestro - I miei quadri? Si avvicinano ai romanzi non perchè raccontino alcunché, ma perchè offrono spunti per immaginare intere storie''

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA