Scarpe rosse di Zapatos Rojos a Cagliari

Marcia silenziosa in piazza il 25 per un cambiamento culturale

(ANSA) - CAGLIARI, 20 NOV - Né sangue, né occhi neri: solo 33 paia di scarpe dipinte di rosso e disposte in una marcia simbolica e silenziosa di donne assenti, lungo una strada cittadina. E' "Zapatos Rojos", progetto d'arte pubblica dell'artista messicana Elina Chauvet contro il femminicidio e la violenza sulle donne. Dopo le esperienze di Sestu e San Sperate, quest'anno l'installazione di Zapatos sarà allestita in piazza Garibaldi a Cagliari. L'appuntamento è in programma sabato 25 novembre a partire dalle 16.Il progetto nasce nel 2009 a Ciudad Juarez, città di frontiera del nord del Messico famosa perché a partire dal 1993 centinaia di donne sono state rapite,stuprate e assassinate nella più totale impunità. In Europa approda nel 2012, a Milano, per poi diffondersi nelle altre città del mondo, in Argentina, Spagna, Norvegia, Gran Bretagna, Cile, Brasile, Stati Uniti e Canada. Ogni edizione di Zapatos Rojos è il risultato di un lungo lavoro che prevede l'attivazione di una rete tra istituzioni, associazioni e singole persone e la marcia rappresenta proprio la rete territoriale che si è costituita.
    Curatrici del progetto a Cagliari Lorena Cordeddu (associazione "Terra Battuta") e Consuelo Dessì (Mezcla Intercultura), con il patrocinio del Comune e la collaborazione di tutte le altre associazioni che aderiscono e della cittadinanza. "Fare rete e l'associazionismo in generale sono importanti per tenere alto il livello di attenzione sul femminicidio, soprattutto sul sommerso che i dati non rilevano", ha ricordato stamattina Cordeddu alla presentazione di "Zapatos Rojos". "Non viene rappresentata la violenza, questa è la forza di questa manifestazione - ha aggiunto Dessì - la marcia è simbolo dell'azione che donne e uomini intendono intraprendere verso il cambiamento di modelli culturali e sociali che vedono la donna in una posizione di inferiorità rispetto all'uomo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA