Galileo tra arte e scienza a Padova

Nelle sale del Palazzo del Monte di Pietà

(ANSA) - PADOVA, 17 NOV - Dopo Galileo nulla fu come prima. E non solo nella ricerca astronomica e nelle scienze, ma anche nell'arte. Lo racconta la mostra aperta da domani a Padova, nel Palazzo del Monte di Pietà, illustrando per la prima volta la figura complessiva e il ruolo di uno dei massimi protagonisti del mito italiano ed europeo. Dall'esposizione, dal titolo "Rivoluzione Galileo. L'arte incontra la scienza", emerge l'uomo Galileo nelle molteplici sfaccettature: dallo scienziato padre del metodo sperimentale al letterato esaltato da Foscolo e Leopardi, Pirandello e Ungaretti, De Sanctis e Calvino. Dal Galileo virtuoso musicista ed esecutore al Galileo artista, tratteggiato da Erwin Panofsky quale uno dei maggiori critici d'arte del Seicento; dal Galileo imprenditore - non solo il cannocchiale ma anche il microscopio o il compasso - al Galileo della quotidianità. Tra le opere in mostra anche gli acquerelli e schizzi del grande scienziato, che mostrano la sua grande qualità di disegnatore.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA