Michelangelo fotografo da Amendola

A Carrara ritratti di sculture esposti a Palazzo Cucchiari

(ANSA) - CARRARA (MASSA CARRARA), 15 MAR - Veri e propri ritratti di sculture famosissime, quelle di Michelangelo, da Giuliano e Lorenzo de' Medici alle tre Pietà, e poi il David, Mosè, l'Adolescente custodito all'Ermitage e l'Arciere del Metropolitan di New York. E' 'Michelangelo fotografato da Aurelio Amendola', mostra curata da Massimo Bertozzi e ospitata dal 19 marzo al 19 giugno a Palazzo Cucchiari-Fondazione Giorgio Conti a Carrara (Massa Carrara).
    Gli scatti di Amendola guardano i marmi del Buonarroti con occhio nuovo, attento al linguaggio della scultura e alle qualità della materia, ma anche carico di sentimenti e di patos per l'umanità delle figure michelangiolesche. Marmi che danno vita a forme sinuose delle quali Amendola esalta i particolari anatomici, riuscendo al tempo stesso a suggerire l'impulso vitale di corpi, solo momentaneamente, direbbe Michelangelo, imprigionati "in pietra alpestra e dura". Il tutto nella semplicità delle immagini in bianco e nero.
    La mostra sarà ospitata sotto le volte del piano seminterrato del Palazzo, di cui è stato ultimato il restauro e che viene aperto al pubblico per la prima volta. L'evento apre la stagione espositiva della Fondazione Giorgio Conti che ha preso avvio lo scorso anno con la mostra 'Canova e i maestri del marmo. La scuola carrarese all'Ermitage', prodotta e realizzata in collaborazione con la grande istituzione museale di San Pietroburgo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA