Tornano le Giornate Primavera del Fai

Oltre 900 occasioni in 380 luoghi d'Italia

(ANSA) - ROMA, 9 MAR - Le spettacolari catacombe di San Gaudioso a Napoli, dove sotto gli affreschi si percepisce la presenza dei teschi, o l'incredibile area megalitica di Saint Martin de Corléansa, in Val D'Aosta, che apre in esclusiva con un percorso che arriva a sei metri sotto terra, svelando i resti monumentali di una civiltà del 4 mila a.C. Tornano sabato 19 e domenica 20 marzo le Giornate di Primavera del Fai, con oltre 900 visite straordinarie in 380 luoghi d'Italia, per stupire, incuriosire e portare gli italiani a riappropriarsi dell'unicità del patrimonio. "Occasioni aperte a tutti", sottolinea il presidente Fai Carandini, che per il secondo anno consecutivo potrà contare su una stretta collaborazione con la Rai per tutta la settimana di raccolta fondi, dal 14 al 20/3. "Per noi questo è servizio pubblico" commenta la presidente Rai Monica Maggioni.
    Schierato anche il ministro Franceschini: "L'operazione più importante è quella pedagogica. Quella per la cultura è una battaglia condivisa da governo e parlamento". Dalle Alpi alla Sicilia, annuncia il vice presidente esecutivo Fai Marco Magnifico, invitando ad iscriversi alla associazione e a partecipare alla raccolta fondi, aprono 270 luoghi di culto, 250 palazzi e ville, 30 borghi e quartieri, 60 castello e torri, 82 tra musei,archivi e biblioteche, ma anche parchi, aree archeologiche, edifici di archeologia industriale, industri, teatri, cantini, persino frantoi. Ogni luogo con una sua storia e il racconto affidato a 30 mila giovani apprendisti ciceroni reclutati dalle scuole.
    Tra le curiosità, anche la sala d'aspetto della stazione di Milano dove Mussolini, in previsione dell'incontro con Hitler, aveva fatto montare un parquet decorato da svastiche. "Il Fai ci aiuta a scoprire e valorizzare anche l'Italia cosiddetta 'minore' - sottolinea Franceschini - valorizzare questi luoghi e farli conoscere al turismo internazionale è una grande opportunità e ormai anzi un'esigenza".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA