Sky omaggia Brunelleschi, una cupola moderna a Londra

E a maggio documentario per celebrare 600/mo capolavoro Firenze

Un'interpretazione in scala e in chiave moderna della cupola di Filippo Brunelleschi, per celebrare i 600 anni dalla costruzione del capolavoro che sormonta il duomo di Firenze di Santa Maria del Fiore. E' l'opera commissionata da Sky Arte all'artista britannico Luke Jerram, scoperta questa settimana a Londra nel cuore della movimentata zona di King's Cross, simbolo di uno dei maggiori progetti londinesi di riqualificazione urbana contemporanea segnato dal restauro o dalla realizzazione ex novo di numerosi edifici in stile postindustriale. Un'iniziativa legata al lancio di un sontuoso documentario che l'emittente manderà in onda a primavera sui canali 120 e 400 a suggellare il 600esimo anniversario della creazione per antonomasia partorita dal genio del grande maestro rinascimentale, in sfida alle conoscenze, allo scetticismo, alle convenzioni del proprio tempo.

Il programma, intitolato 'Brunelleschi e le grandi cupole del mondo', è una produzione Sky Arts Production Hub destinata a raccontare e illustrare la nascita delle soluzioni tecniche utilizzate dal Brunelleschi per innalzare un capo d'opera ingegneristico e costruttivo mai visto prima, ha sottolineato nella capitale del Regno Unito il direttore di Sky Arte, Roberto Pisoni. Ma anche per mostrare come il concetto di cupola si sia reiventato nei secoli e fra le epoche: fino all'espressione di archistar di oggi quali Norman Foster o David Libeskind, protagonisti di interviste ad hoc. Una reinvenzione a cui offre adesso un contributo pure Luke Jerram - artista emergente della scena britannica e internazionale fattosi conoscere ad esempio per la sua Luna, installazione ammirata fra l'altro l'anno scorso a Milano - attraverso una diversa "idea di cupola" esposta al pubblico fino al 17 febbraio e collocata a Lewis Cubitt Square: piazza non lontana dalle grandi stazioni di King's Cross e di St. Pancras, al centro di un'area elevata in questi anni a modello di rinnovamento urbano di una metropoli che si evolve sforzandosi di restare nel contempo ancorata alle radici del suo passato.

L'inaugurazione dell'opera di Jerram - intitolata Palm Temple e realizzata a forma di spicchio, come una struttura di cupola con lamelle a spirale tagliata in due parti uguali e quindi ricomposta in verticale quasi come due mani giunte in preghiera - è coincisa con la fine delle riprese del documentario. Ed è avvenuta alla presenza dello stesso autore, il quale ha spiegato d'essersi "ispirato a Brunelleschi", e al suo percorso "di artigiano-artista, non di architetto di formazione", per dare anima a un'installazione 'site-specific' immaginata a mo' di luogo di contemplazione (dove ogni visitatore può accedere) e di collegamento "tra cielo e terra": grazie anche ai riflessi del pavimento a specchio e alle trasparenze di un'opera che cambia colore a seconda della luce. Un inno "alla natura", in un mondo secolare, a surrogare il richiamo universale al divino di Filippo Brunelleschi, nella parole dell'artista di Bristol. Il cui messaggio si condensa nel tintinnio d'una campanella, al vertice del 'Tempio', sospinta dal vento a suonare decine di volte al giorno: "una per ciascuna specie vivente minacciata quotidianamente di estinzione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie