Nella favola di Calopresti gli ultimi di ieri e oggi

In sala Aspromonte con Bruni Tedeschi, Fonte e Rubini

'Aspromonte La terra degli ultimi' di Mimmo Calopresti - già al Taormina Film Fest e in sala con Italian International Film dal 21 novembre - si svolge negli anni Cinquanta ad Africo, luogo di una povertà estrema, inferno di miseria e abbandono nell'inferno stesso della Calabria di quegli anni.

Tratto dall'opera letteraria di Pietro Criaco, 'Via dall'Aspromonte' (Rubettino Editore), il film racconta di un paesino arroccato sulla valle e non collegato da nessuna strada in cui una sera l'ennesima donna muore di parto perché il dottore non arriva in tempo. Gli uomini, esasperati, vanno  a protestare dal sindaco per ottenere un medico condotto, ma c'è chi come Peppe (Francesco Colella), pensa di ribellarsi e coinvolgere tutti i paesani, gli africoti, nella costruzione di una strada.

In questa impresa, che aprirebbe finalmente Africo al mondo, verranno coinvolti anche quei bambini ai quali Giulia (Valeria Bruni Tedeschi), la nuova maestra elementare che viene da Como, vuole insegnare l'italiano. Ma c'è  chi, come Don Totò (Sergio Rubini), brigante della zona e rappresentante di una sorta di proto ndrangheta, non vuole affatto che il paese diventi 'italiano'.

"Quando ho cominciato a girare, il tema mi sembrava lontano dall'oggi, poi mi sono accorto che i problemi sono sempre gli stessi al Sud, come dappertutto, e che Africo potrebbe essere la capitale del mondo. Insomma gli 'ultimi' c'erano allora e ci sono oggi e penso in questo momento agli operai dell'Ilva", spiega il regista.

Il film, prodotto da Italian International Film con Rai Cinema e scritto da Calopresti con Monica Zapelli, già autrice de 'I cento Passi', con la collaborazione di Fulvio Lucisano che nel film fa un cameo nel finale, per Marcello Fonte, ovvero il 'poeta', paesano colto e curioso "dimostra che non bisogna mai smettere di sognare e anche di realizzare i propri sogni". Valeria Bruni Tedeschi si identifica totalmente nel personaggio di Giulia, maestrina infelice."Quando si tratta di infelicità ci sguazzo come un pesce nell'acqua. E poi fare la maestra - aggiunge l'attrice - è stato in qualche modo il mio primo vero lavoro. La facevo sempre quando giocavo con le mie bambole da ragazzina". Infine Sergio Rubini: "Non c'è che dire: 'Aspromonte' è un film molto attuale. Ora che va di moda alzare i muri qui, al contrario, c'è chi pensa di aprire una strada. E poi - conclude - adoro fare il cattivo forse perché non avrei mai il coraggio di esserlo davvero". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA