Segre: 'il Nobel a chi lo merita, io semplice cittadina'

Proposta raccoglie consensi politici. Fico: 'E' artigiana della pace'

Una "semplice cittadina": si vede così Liliana Segre, la senatrice a vita che in molti vorrebbero candidata al Nobel per la Pace. "Lasciamo i Nobel ai Nobel, diamoli a chi li merita veramente", si schernisce l'89enne sopravvissuta ai campi di sterminio nazista, oggi ad Alba (Cuneo), città simbolo della Resistenza, per ritirare il Tartufo dell'Anno 2019. Un premio in passato consegnato anche alla Regina Elisabetta, ai presidenti degli Stati Uniti Truman, Eisenhower e Kennedy e a Papa Francesco, "per unirsi al coro di quanti nel nostro Paese si schierano al suo fianco e si oppongono a ogni forma d'odio". La proposta del sindaco di Pesaro, il dem Matteo Ricci, di candidare la Segre al prestigioso riconoscimento svedese, trova numerosi consensi nel mondo politico.

"Non è solo una custode della memoria, ma una vera e propria artigiana di pace, che si è impegnata quotidianamente per tenere vivi i principi di tolleranza e rispetto per l'altro", afferma il presidente della Camera, Roberto Fico. Favorevole anche la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, così come molti sindaci che martedì erano al suo fianco, a Milano, per dire no all'odio, al razzismo, all'intolleranza. Quell'odio che la senatrice a vita, deportata ad Auschwitz all'età di 13 anni, continua a rifiutare benché ne abbia vissuto sulla sua pelle le peggiori conseguenze. "Gli odiatori, i critici, li ignoro" - sostiene - scelgo sempre di prendere la parte positiva, quella che c'è in ognuno di noi e che prendo sempre ad esempio".

In politica come nella vita di tutti i giorni: "Quando incontro gli studenti - osserva - non parlo mai di cose negative, ma sempre di forza, ottimismo, speranza di andare avanti. E se parlo così da nonna, vuol dire che lo sento...". Il Teatro Sociale di Alba ha riservato alla Segre la migliore delle accoglienze. "Siamo convinti che, mai come in questo momento, lei sia la persona più adatta alla quale consegnare il simbolo più prezioso del nostro territorio", è l'opinione di tre studenti, che hanno letto la motivazione con cui il premio è stato consegnato alla senatrice a vita. "Alba, nello stigmatizzare ogni forma di odio, intende riconoscere la determinazione con cui ha sempre contrapposto il dialogo e l'empatia", osserva il sindaco, Carlo Bo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA