Paese sardo isolato, sindaco si dimette

Succede a Lodè, nel Nuorese. Primo cittadino "getto la spugna"

(ANSA) - NUORO, 23 MAG - Nel paese di Lodè, un borgo in provincia di Nuoro di 1.600 abitanti, le principali strade in entrata e uscita sono pressoché impercorribili: una è chiusa l'altra è pericolosa. Così il sindaco, Graziano Spanu, esausto dopo mille battaglie ingaggiate senza ottenere risposte, ha deciso di dimettersi. Una clamorosa protesta per il primo cittadino in carica da tre legislature, stanco di assistere ai disagi per i suoi concittadini e le imprese e di peregrinare nei palazzi delle istituzioni "per pietire un diritto".
    "Getto la spugna - conferma all'ANSA il sindaco Spanu - sono logorato, ho gli incubi la notte per questa situazione che va avanti da ottobre, da quando la principale strada di accesso, la provinciale 3, che da Siniscola porta a Sant'Anna e poi a Lodè, è stata chiusa dalla Provincia perché pericolosa: si erano verificate delle frane. Da allora - spiega - arriviamo e usciamo dal paese dalla provinciale 24, Torpé-Lodè, una strada altrettanto pericolosa".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA