Magna Grecia Awards tra legalità e impegno civile

Con Lorella Cuccarini e Flavio Insinna, ricordando Fabrizio Frizzi. Presenti giornalisti minacciati e ospiti illustri

La legalità e l'impegno civile sono i temi che accomunano i premiati della 21/a edizione dei Magna Grecia Awards.

Per oltre tre ore, nell'auditorium Nino Rota di Bari, si e' parlato di molte storie emblematiche, quattro piu' significative, ma anche di giovani, soprattutto meridionali, comne Rugenio Scotto, partiti con tanti sogni nel cassetto che con tenacia sono riusciti a realizzare.

Il Premio è stato istituito e portato avanti da Fabio Salvatore, direttore artistico, e dalla sua famiglia per ricordare il padre ucciso da un pirata della strada.

La manifestazione e' stata dedicata in particolare a 'Home casa dell'accoglienza' che - ha spiegato la 'madrina' Lorella Cuccarini - raccoglie fondi per attrezzare mini appartamenti per ospitare piccoli malati oncologici che si spostano con le loro famiglie in 'viaggi della speranza' per curarsi.

Le storie emblematiche sono quelle del padre francescano Ibrahim Alsabagh, parroco della comunita' cristiana di Aleppo, Giampietro Ghedini, che ha perso il figlio in un tragico incidente stradale e ora dedica la sua vita ai giovani, il giornalista Daniele Piervincenzi inviato della trasmissione televisiva Nemo vittima di un'aggressione ad Ostia (VIDEO), e Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi, scampato nel 2016 ad un agguato tesogli per la sua lotta ai clan che gestiscono i pascoli nel messinese (VIDEO).

Premiata per il suo impegno la giornalista Tiziana Ferrario, che ha dedicato il premio ''alle bambine perche' crescano piu' sicure di se'', ma anche ''ai loro padri perche' le aiutino a crescere''. Un riconoscimento anche al progetto "In viaggio per guarire" di Anna Berenzi realizzato da un gruppo di ragazzi, uniti dall'aver vissuto l'esperienza di una grave malattia, che viaggiano per l'Italia per incontrare i loro coetanei.

Premiati inoltre il gruppo Casa Surace, il presentatore Flavio Insinna (VIDEO), l'attore Enzo Iacchetti (con un riconoscimento alla memoria di Remo Remotti), il giornalista Gino Castaldo, la stilista barese Anna Dello Russo diventata direttrice creativa di Vogue Japan, i musicisti Roy Paci e Diodato, oltre a Giovanni Caccamo, Renzo Rubino e gli attori Vinicio Marchioni, Chiara Francini, Sveva Alviti e Cristiano Caccamo.

Nel corso della serata, condotta da Fabio Salvatore (con la partecipazione dello YouTuber Yuri Gordon Sterrore), in molti hanno ricordato, commossi, Fabrizio Frizzi (VIDEO), la sua serenita', dedizione e correttezza nel lavoro, ma tutti hanno sottolineato che il suo migliore insegnamento era ed e' ancora il suggerimento "cerchiamo di essere tutti piu' educati". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA